Blog Sidebar Left

Vacuity of the “artist”

Andy Warhol, Brillo Box (Soap Pads). 1964, MoMA   It has happened to me several times, and it will certainly have happened to you too, to run into someone to whom, asking him what work he does, with discouraging naivety, you heard “the artist” answer. Whenever this happens, as far as I am concerned, I feel deep embarrassment and pain for them and an overwhelming desire to run away from them. A self-declaration is therefore sufficient to give role and […]

Vacuità de l’”artista”

Andy Warhol, Brillo Box (Soap Pads). 1964, MoMA   Mi è più volte capitato, e sarà di certo accaduto anche a voi, d’imbattervi in qualcuno al quale, chiedendogli che lavoro svolge, con sconfortante ingenuità, vi siete sentiti rispondere “l’artista”. Ogni qualvolta ciò accade, per quanto mi concerne, provo per costoro profondo imbarazzo e pena e un irrefrenabile desiderio di scapparmene a gambe levate. È dunque sufficiente un’autodichiarazione a dare ruolo e significato alla propria esistenza, a porsi un poco più […]

The alphabetical roots of the illustration

Giovan Battista Zelotti, Allegory of Libra (particolre), Villa Emo in Fanzolo, dressing room of the grotesques, c. 1565.   When the dungeons (caves) of Nero’s Domus Aurea were found in Rome around 1480, the effect on the painters of the time, and Raphael in particular, was a harbinger of unstoppable changes for the future visual alphabet. Those caves had, in fact, wall decorations which combined arboreal and floral elements with animal or human presences, often giving rise to beings of […]

Le radici alfabetiche dell’illustrazione

Giovan Battista Zelotti, Allegoria della Bilancia (particolre), Villa Emo a Fanzolo, camerino delle grottesche, 1565 ca.   Quando furono rinvenuti a Roma attorno al 1480 i sotterranei (le grotte) della Domus Aurea di Nerone, l’effetto procurato sui pittori dell’epoca, e in particolare su Raffaello, fu foriero di mutamenti inarrestabili per il futuro alfabeto visivo. Quelle grotte presentavano, infatti, delle decorazioni parietali che coniugavano elementi arborei e floreali a presenze animali o umane, dando spesso origine a esseri dalla natura ibrida, […]

Provenance

Jean-Honoré Fragonard, Les hasards heureux de l’escarpolette (detail), 1767-68, Wallace Collection, London, photo Alonso de Mendoza   The provenance of an author’s language, from a previous tradition, is therefore part of the dynamics of normalization (a process whereby an innovative or exceptional phenomenon, over several decades, spreads in the popular imagination), although it does not deprive it of the research content that instead continues. He takes up a discourse that comes to him from afar. He discovers that he is […]

Provenienza

Jean-Honoré Fragonard, Les hasards heureux de l’escarpolette (dettaglio), 1767-68, Wallace Collection, Londra, foto Alonso de Mendoza   La provenienza del linguaggio di un autore, da una precedente tradizione, rientra nella dinamica della normalizzazione (processo per il quale un fenomeno innovativo o eccezionale, nel corso di alcuni decenni, si diffonde nell’immaginario popolare), seppure egli non la priva del contenuto di ricerca che invece prosegue. Egli riprende un discorso che gli giunge da lontano. Si scopre figlio di una discendenza alla quale […]

Puberty

Edward Munch, Puberty (detail), 1894-95, Oslo National Gallery   The works of Edward Munch (1863-1944) have fascinated me more and more over the years. In Puberty of 1894-95, certain formal and perspective distortions typical of his mature language, to which this painting belongs, are not present. This work has a more intimate or apparently less explosive character than his other more violent and strident works, both in terms of colour and formal forcing. The explosiveness of this painting resides in […]

La pubertà

Edward Munch, La pubertà (particolare), 1894-95, Galleria Nazionale di Oslo   Le opere di Edward Munch (1863-1944) nel corso del tempo mi hanno affascinato sempre più. Ne La pubertà del 1894-95 certe distorsioni formali e prospettiche tipiche del suo linguaggio maturo, al quale questo dipinto appartiene, non sono presenti. Questo lavoro ha un carattere più intimo o apparentemente meno esplosivo rispetto ad altre sue opere più violente e stridenti cromaticamente e nelle forzature formali. L’esplosività di questo dipinto risiede in […]

Framing

Caspar David Friedrich, Der Mönch am Meer, 1808-09   If the composition concerns the course of an image (horizontal, vertical, diagonal ascending / descending), the framing determines the point of view that the author has assigned to the viewer’s gaze, demonstrating that the image is designed specifically for him, for his involvement. The choice of the framing is therefore essential for the conveyance of the message, being able to place the viewer in a dominant or inferior position, protagonist or […]

L’inquadratura

Caspar David Friedrich, Der Mönch am Meer, 1808-09   Se la composizione concerne l’andamento di un’immagine (orizzontale, verticale, diagonale ascendente/discendente), l’inquadratura determina il punto di vista che l’autore ha assegnato allo sguardo dello spettatore, a testimonianza che quell’immagine è pensata proprio per lui, per il suo coinvolgimento. La scelta dell’inquadratura è quindi essenziale per la veicolazione del messaggio, potendo porre lo spettatore in posizione dominante o succube, protagonista o esterno. Portiamo subito degli esempi del suo impiego nell’area pubblicitaria. Le […]