Un altro mondo

Se devo pensare ad un illustratore particolarmente significativo, ad un illustratore che meglio rappresenta lo sviluppo alfabetico dell’illustrazione e del suo linguaggio, allora penso a Jean-Ignace-Isidore Gérard, più noto come Grandville, il cui lavoro ritengo la radice costitutiva di differenti universi immaginifici a venire. Grandville raccoglie quel patrimonio distorsivo della tradizione caricaturale, che si avviò con Annibale Carracci (1560-1609) ai primi del Seicento, con Giovan Battista Bracelli (1584-1650) e che può arretrare sino ai disegni umoristici di Leonardo. Grandville raccoglie quel patrimonio distorsivo della tradizione caricaturale spingendolo a conseguenze visionarie, alcune già in nuce altre inedite. In Grandville un’eccelsa capacità tecnica si coniuga a un’immaginazione sconfinata, che in un’opera come Autre Monde (1844) appare inesauribile e precorritrice. Vi si possono osservare sproporzioni anatomiche umane e animali, oggetti animati e antropomorfi, vegetali antropomorfi, animali antropomorfi, anatomie umane soggette ad allungamenti o restringimenti da sala degli specchi di un luna park, sproporzioni tra i personaggi di memoria pittorico-medievale, forzate inquadrature inedite, animali compositi memori dei bestiari e dell’epica classica, ambientazioni pre surrealiste e per le quali la memoria del lettore non può non andare a Magritte (René Magritte 1898-1967) o Dalì (Salvador Dalì 1904-1989) o ai paesaggi metafisici di Alberto Savinio (1891-1952). Anche alcuni suoi allungamenti o sproporzioni anatomiche e certo suo antropomorfismo hanno certamente segnato l’opera dei due grandi surrealisti. Possiamo trovarne traccia indelebile anche nell’immaginifico universo di Little Nemo, fumetto creato da Windsor McCay (1869-1934) nel 1905, che narra le vicende oniriche di un bambino con un elegantissimo segno liberty e con un’inesauribile fantasia tipica dell’immaginario infantile.

Se poi si guarda a un’opera come Scènes de la vie privée et publique des animaux (1840-42) di Honoré de Balzac (1799-1850) è praticamente impossibile non considerarla antesignana di tutti quegli universi, animati o a fumetti, abitati da animali antropomorfi, Disney in testa, ma passando per l’universo illustrato della Potter (Beatrix Potter 1866-1943). Certamente l’opera di Grandiville conserva ancora il sapore tipico dell’incisione e un realismo, seppure caricaturale e grottesco, di matrice classica, ma ben si comprende che l’illustratore francese ha gettato innumerevoli semi per futuri e rigogliosi immaginari che attraverseranno trasversalmente la pittura, il cinema, l’animazione, le vignette umoristiche e i fumetti. In tal senso credo che, quella di Grandville, sia da ritenersi tra le immaginazioni più prolifiche della storia dell’illustrazione, che, con sapienza e capacità, raccolse molteplici eredità dai bestiari, dalle demoniache invenzioni della pittura fiamminga, dalle grottesche, dai capricci e bizzarrie del Barocco, mutandole in qualcosa d’inedito che segnerà indelebilmente molta della produzione popolare e colta con conseguenze inaspettate e tuttora in atto. Va detto che negli anni nei quali opera Grandiville non v’è ancora una separazione netta tra pittura e illustrazione e questo gli consentì una libertà di azione, formale e immaginifica, oggi sconosciuta.

  Grandville, 5 incisioni tratte da Autre Mode; Salvador Dalì, La tentazione di Sant’Antonio; 1946, Windsor McCay, Little Nemo, 1908; Alberto Savinio, Tombeau d’un roi maure, 1929

Bibliografia

AA.VV., Desideri in fiorma di nuvole. Cinema e fumetto, Paisan di Prato (UD), Campanotto Editore, 1996.

AA.VV., Gulp! 100 anni a fumetti, Milano, Electa, 1996.

BAIRATI Eleonora – FINOCCHI Anna, Arte in Italia, volume 3, [1984], Torino, Loescher Editore, 1991.

BARBIERI Daniele, I linguaggi del fumetto, Milano, Bompiani, 1991.

BORDONI Carlo FOSSATI Franco, Dal feuilleton al fumetto. Generi e scrittori della letteratura popolare, Roma, Editori Riuniti, 1985.

BRANCATO Sergio, Fumetti. Guida ai comics nel sistema dei media, Roma, Datanews Editrice, 1994.

COSTA Antonio, Il cinema e le arrti visive, Torino, Einaudi, 2002

DE VECCHI Pierluigi CERCHIARI Elda, Arte nel tempo, [1991], Milano, Bompiani, 1996.

DE VINCENTI Giorgio, Andare al cinema, Roma, Editori Riuniti, 1985.

FAETI Antonio, Guardare le figure, [1972], Roma, Donzelli Editore, 2011.

FARNÉ Roberto, Iconologia didattica – le immagini per l’educazione dell’Orbis Pictus a Sesame Street, [2002], Bologna, Zanichelli Editore, 2006.

FAVARI Pietro, Le nuvole parlanti. Un secolo di fumetti tra arte e mass media, Bari, Edizioni Dedalo, 1996.

FRESNAULT-DERUELLE Pierre, I fumetti: libri a strisce, [1977], Palermo, Sellerio Editore, 1990.

PALLOTTINO Paola, Storia dell’illustrazione italiana, [2010], Firenze, VoLo Publisher, 2011.

PELLITTERI Marco, Sense of comics, Roma, Castelvecchi, 1998.

RAFFAELI Luca, Il fumetto, Milano, il Saggiatore, 1997.

REY Alain, Spettri di carta, [1982], Napoli, Liguori, 1988.

RICCIARDI Enrica, Il cuore delle nuvole. Arte figurativa e fumetto, Paisan di Prato (UD), Campanotto Editore, 1996.

 

Siti web

http://www.treccani.it/vocabolario/

https://it.wikipedia.org

Leave a comment